h1

L’estate sta finendo.

maggio 29, 2008

No miei cari lettori, non sono impazzito e neanche ho dimenticato la progressione delle stagioni, la realtà è che più passano gli anni e più odio la cosidetta bella stagione.

Abito in una ridente (forse) cittadina del nord barese che si affaccia sul mare, quindi dovrei amare l’estate ma per me non è così e vi spiego perchè:

  1. soffro il caldo maledettamente e quindi ho già cominciato ad essere sudato ed emaciato;
  2. fra poco finiranno le scuole e quindi bisognerà provvedere a riempire le giornate dei pargoli;
  3. le ferie, stress assoluto, prenota, organizza e poi viaggio con figli che stanno fermi in auto il tempo di entrarci e dopo 5 minuti ti hanno rivoluzionato l’auto, le valige ed il sistema nervoso;
  4. ma ciò che meno sopporto dell’estate è l’arrivo degli invasori della città, che io distinguo in due categorie i vichinghi e gli unni.

I vichinghi sono i nativi del nord, di solito sono in numero non esoso e si distinguono per la smorfia di disappunto che gli si stampa sulla faccia 30 secondi dopo l’arrivo o quando gli rubano l’automobile. Mostrano il ribrezzo per l’organizzazione del paese e per le nostre abitudini.

Ma i peggiori sono gli unni, si tratta di paesani che si sono trasferiti per lavoro al nord o peggio all’estero (Svizzera, Germania o chissa quale altro stato), li noti subito perchè sono coloriti, con auto sgargianti e fanno di tutto per farsi notare dai vecchi amici o dai parenti. Il rientrante per le vacanze non la smette mai di parlare di quanto loro stiano meglio, per il fatto di stare fuori dal paesello si sentono autorizzati a sentenziare a destra ed a manca. Ma la cosa peggiore e che si lamentano per la sporcizia delle strade ma sono sempre pronti ad imbrattare, si lamentano per il traffico (miiiiiiiii il traffico la piaga peggiore estiva) e per il fatto che loro le cinture le portano sempre etc etc di regole rispettate, ma appena rientrati al paesello via alla trasformazione da Dr. Jackil e Mr Hide, niente cintura velocita che variano da passo di lumaca per passegiata sul lungomare a 500 miglia di indianapolis.

Ovvio, vi sono delle eccezioni a queste grandi categorie, ma purtroppo per ora non sono la regola.

Insomma, lettori gli unni sono i repressi che tornando al paese sfogano le loro repressioni.

Ma la cosa peggiore e che andando via affermano: “l’anno prossimo non ci torno ormai mi sono rotto, vado in Sardegna”.

Domanda ma chi ti chiama per tornare?

No perchè se me lo comunichi lo riduco in malomodo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: