Archive for the ‘tanto per giocare’ Category

h1

Un debito non pagato è un credito insoddisfatto!!

novembre 27, 2008

Alcune sere prima di hallowen,

 mia figlia (di sei anni), la mia Gioia,  aveva scritto una piccola storia per la notte dei defunti e mi aveva fatto promettere di postarla sul blog.

Non avendo ancora risolto i miei problemi di ADSL l’avevo lasciata sull’altro computer e poi me ne ero dimenticato.

Oggi, dopo svariati giorni, lei mi ha chiesto di mostrargli dov’era pubblicata la sua storia, avrei voluto sparire, per il fatto chè non l’avevo pubblicata, quindi ora mantengo la promessa fattale oltre un mese fa!!

 

LA NOTTE DEI FANTASMI


UN GIORNO, LA SERA, DALLA FINESTRA VIDI UN OMBRA CHE IO CREDEVO FOSSE UN FANTASMA. A QUELLA VISTA MI SPAVENTAI, ALLORA ANDAI IN CUCINA A DIRLO ALLA MAMMA.

LEI MI RISPOSE LO AVRAI IMMAGINATO.

DOPO DI CHE ANDAI A LETTO E MENTRE MI ADDORMENTAVO SENTI UNA VOCE DOLCE CHE MI DICEVA BUONANOTTE SOGNI D’ORO.

ED IO CAPI’ CHE ERA L’ANIMA DI UN DEFUNTO DELLA MIA FAMIGLIA, E QUINDI UN FANTASMA BUONO.

By Gioia

Ora mi auguro che i vostri commenti non siano: da ora in poi è meglio se a scrivere sul blog sia lei e non io!! 😀

L’ho riproposta esattamente come lei l’aveva scritta, ovviamente in maiuscolo visto che non aveva ancora imparato il minuscolo!! 🙂

Quando ha visto che la stavo postando, si è sentita nuovamente una piccola fata!!

 

Annunci
h1

Costruirsi il futuro!!

novembre 24, 2008

Singolare protesta dei docenti precari di Napoli:

Si sono posizionati ai semafori della città ed hanno cominciato a lavare i vetri delle auto!!

Ora io mi chiedo perchè?

Per evitare di andare in classe, non si sa mai che gli caschi in testa il soffitto!!

Per insegnare come si lavano i vetri!!

Lezioni di educazione stradale porta a portiera!!

Oppure stanno esercitandosi per un futuro sbocco lavorativo!!

Che s’addà fa pe campà.

Intanto, a seguito di questa protesta vi è stata la controdimostrazione dei lavavetri ufficiali, hanno minacciato di rivolgersi alla camorra per cautelare i propri interessi ed inoltre domani si presenteranno nelle aule delle scuole per insegnare le materie in programma!!

Questo è un pazzo pazzo mondo!!

 

 

 

h1

Questo è un mondo difficile, ma, addà passà a nuttat!!

novembre 15, 2008

Dall’ultima volta che ho scritto un post, un pò di cose son cambiate:

Il presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama primo presidente di colore, grande conquista per cancellare il razzismo forse, a proposito, la Canalis ha affermato ad un noto settimanale, che lei preferisce gli uomini di colore e se non sbaglio sta partendo per gli U.S.A., non ce la ritroveremo a cantare happy birthday mr. president? ……….. tutto può essere!!

In merito alla elezione di Barack Obama, abbiamo avuto modo come italiani di fare la solita figura di ………., grazie al nostro Presidente del Consiglio e la sua fama di mattacchione (o matto e basta?).

Altra notiziona, finalmente in Italia l’eutanasia o meglio l’accanimento terapeutico può essere sospeso, Beppino Englaro ha ottenuto soddisfazione e potrebbe far dimettere sua figlia sospendendo così l’alimentazione, ma al momento in cui scrivo non l’ha ancora fatto, ………… chissà perchè?

Il pastore Tedesco ha tuonato più volte nell’ultimo periodo, direttamente o per mezzo di interposte persone, sia sul caso Eluana ma soprattutto sulle cellule staminali e sulla genetica, ma perchè tenere in vita una persona clinicamente morta e non studiare il modo di salvare vite umane con le staminali? ……… mah!!! Valli a capire sti prelati!!

La Germania ha dichiarato ufficialmente uno stato di recessione economica, mentre in Italia i ministri ed i parlamentari si affrettano a dire che il nostro paese non lo è ancora, si preoccupano per l’Alitalia per salvare la bandiera sugli aerei ma non per le migliaia di lavoratori che finiscono in cassa integrazione nelle varie aziende (metalmeccaniche, siderurgiche, ecc. ecc.). Sarà che salvando la bandiera sugli aerei salviamo la faccia tanto per il c… dei poveri operai chi se ne frega?!!! Userano le preparazioni H, ed inoltre non parlando direttamente di recessione i cittadini non si accorgono di non riuscire quasi a sopravvivere? ………. La recessione non esiste, esiste solo nelle vostre menti bahate!!!! (che bello il fiorentino).

Ed ora veniamo a me, la voglia di scrivere pian piano ritorna, ringrazio tutti coloro che mi hanno scritto facendomi sentire importante per loro, non ho molto tempo per rispondere a tutti ma giuro che vi seguo con attenzione!!!

 

In questo periodo mi sento molto così, ma soprattutto sono molto inc……..!!!

h1

La moda fuorvià, forvia o fuor via? ma sarà?

ottobre 30, 2008

Molti genitori si lamentano dei propri figli, non sono abbastanza educati!! non ascoltano!! disubbidiscono!!.

Ma, la colpa miei cari amici genitori non è dei bimbi ma nostra.

Ed ora è presto detto il perchè:

Quando gli compriamo dei vestitini con sopra scritto, Monella Vagabonda, Missi Ribellina, Capricci e cose di questo genere cosa volete che facciano le bambine come minimo se ne fregano dei nostri insegnamenti, loro sono monelle, capricciose e ribelline glielo abbiamo detto noi con i vestiti che gli abbiamo comprato ovvio.

Per non parlare dei figli maschi ai quali le mamme comprano quelle belle magliettine con sopra scritto: Fijo de puta, puta de tu m…., Abbasso la Squola, I Monelli e via discorrendo basta guardarsi in giro, ed i nostri bambini si comportano come scritto sulle loro maglie, bestemmiano come minimo.

Allora ho pensato di lanciare io una linea di maglie educative con marche del genere:

Miss Bonta, Prima i Compiti e poi i Giochi, Obbedisco a Mamma e Papà, Divieto di Parolaccia ecc. ecc., si acettano consigli sul genere.

Ora ditemi con scritte del genere tutti i figli si comporterebbero meglio o no!!

 

INVECE DI COSI’

COSI’

CHE NE DITE?

h1

Se non li puoi combattere, fatteli amici!!

agosto 1, 2008

Ho una bimba bellissima, che ha compiuto sei anni una settimana fa, caschetto biondo, denti assenti? quattro (due incisivi centrali superiori, due incisivi laterali inferiori), tasso di simpatia all’infinito più uno.

La mia Gioia (di nome e di fatto) però ha un piccolo difetto, odia lavare i capelli, le da fastidio l’acqua che le finisce sugli occhi, nonostante l’utilizzo del lavatesta, asciugamani pronto nella mano ecc. ecc., tutte le volte che lava i capelli, sono strilli, rimbrotti e pianti che non terminano mai.

Stufo di questa situazione, lo scorso mese mentre eravamo in vacanza in Sicilia, ho deciso di affrontarla di petto per farle superare la fobia dell’acqua sul viso; con piglio deciso, sguardo truce e determinazione di marines gli ho detto oggi ti lavo io i capelli.

Ovviamente lei non era contenta anzi non voleva, ma, poi si è piegata con un “va bene” talmente trascinato che sembrava già un lamento.

Per rendere meno amara la cosa gli ho detto ti racconto una favola, la rianimazione è stata immediata. Ed ora vi racconto la favola inventata sull’istante:

 La principessa dai capelli d’oro

Vi era nel regno di laggiù, una principessa dai capelli d’oro che non voleva mai lavare i capelli. Ogni volta che l’obbligavano a lavarli, tutto il regno si spaventava per le urla della principessa e qualcuno dei servitori veniva ferito dalla concitazione dell’impresa.

Un giorno, una fata che si trova di passaggio per il regno, senti quegli strilli disumani e chiese ad un abitante del regno da dove provenissero e perchè, quando questi gli spiego, la fata si recò al castello.

Cercò di convincere la principessa che il suo modo di comportarsi era sbagliato, ma di fronte all’arroganza e la prepotenza di quella decise di punirla e le fece un sortilegio.

La punizione consisteva nel fatto che i suoi capelli, da quel giorno, sarebbero diventati neri e puzzolenti, ad ogni tentativo di tagliarli o di pulirli, il giorno successivo gli stessi ricrescevano più folti e più puzzolenti.

La povera principessa ormai lavava i suoi capelli due volte al giorno, per cercare di sopportare l’olezzo che questi emanavano, ma visto che non si riusciva a trovare nessun rimedio, decise che  si sarebbe concessa in sposa a colui che avrebbe risolto il suo problema.

Vari sudditi del regno, principi dei regni vicini si presentarono con soluzioni che però, di fatto, risultavano solo peggiorative.

Tempo dopo, quando la poverina era ormai convinta che non ci fosse rimedio, dal regno oltre le sette colline giunse un giovane su di un cavallo bianco, questi, chiese udienza alla principessa e quando fu ricevuto le disse che lui aveva il rimedio e che da li a pochi giorni avrebbe risolto il suo problema.

Il giovane aveva saputo dalla fata che aveva lanciato il sortilegio, che il rimedio consisteva nel lavare i capelli di lei con l’acqua della fonte miracolosa, nella quale dovevano essere immerse delle piante raccolte nella foresta incantata.

Dopo il colloquio riparti per la foresta incantata, dove raccolse ginseng, simmodsia chinensis (da cui avrebbe estratto un olio), camomilla e camellia sinensis.

Terminato il raccolto, si indirizzo alla volta della fonte miracolosa cavalcando per due giorni e due notti, attraverso la valle della morte, la gola degli assasini e sfuggendo a mille pericoli.

Giunto all’ubicazione della fonte miracolosa, alle pendici del monte Miraculum, doveva affrontare l’ultimo pericolo, il drago malinconico che di solito era anche un pò burbero.

All’arrivo del giovane, il drago lo minaccio, ordinandogli di andare via e per rafforzare l’affermazione lanciò una lingua di fuoco, ma questi per nulla impressionato continuò ad avanzare e giunto nei pressi del drago, gli chiese di parlargli per proporgli un’accordo.

Dato che il giovane era un non violento, non voleva uccidere il drago ma conoscendo il suo problema caratteriale, gli propose che: se lui l’avesse fatto ridere avrebbe potuto prendere un pò dell’acqua miracolosa altrimenti sarebbe andato via, il drago accettò.

Allora il giovane gli racconta una barzelletta: Un lombrico dice ad un altro “Sei proprio un verme…”

Udita la barzelletta, il Drago cercò di restare impassibile, ma, dopo pochi secondi cominciò a ridere, ed in base agli accordi presi fece prendere un pò d’acqua al giovane, il quale avendo ormai tutto il necessario, si precipitò al castello della bella principessa e preparò il suo infuso per annullare il sortilegio.

Dopo che utilizzo il preparato, i capelli della principessa tornarono di oro, ed ella corse a ringraziare il suo salvatore il principe Balsamo Gionso.

h1

Fuga dalla realtà!!!!!!!!!!!!!

luglio 2, 2008

Tutti i giorni mi sveglio con una marea di pensieri e di azioni da compiere. Avere tanti impegni mi porta ad evitare di farmi domande, la quotidianeità mi assorbe più di uno scottex.

Ma arriva il giorno in cui fra gli innumerevoli impegni s’interseca una breve tregua ed allora, nella stasi, a cui non sono abituato, arriva il momento delle domande:

  • chi siamo?
  • dove andiamo?
  • da dove veniamo?
  • ma lei chi  crede di essere (rivolto allo specchio)?

Insomma , tutte quelle domande esistenziali che ogniuno, anzi, ognuno (altrimenti la maestrina mi bacchetta di nuovo) si pone quando non ha un cavolo da fare,  come dire…un sacco di ghirigori mentali!

La sensazione che provo in quei momenti è sempre di sconforto, è come sentirsi una merdina inconcludente e non vi è blog che possa salvarmi da uno stato d’animo così pessimistico; un giorno però ho posato il mio sguardo su mia figlia ed ho trovato il rimedio, sono stati il suo sorriso solare, il suo affetto infinito, la sua gaia leggerezza, la sua dolcezza di bambina a ravvivare quel calore che avevo perso ed il mio umore si è risollevato.

Lei mi dice:

  • papi giochiamo insieme?
  • certo!
  • posso truccarti?
  • sicuro!

Dopo mezz’ora di aggiustamenti vari, agli occhi, le guance etc etc,

 il risultato è universalmente riconosciuto, un arcobaleno di colori sulle mie palpebre e sulle mie guance… bellissimo!

 

Ho avuto un unico problema, il trucco era con i colori indelebili, ma non potevo essere nervoso di fronte al suo sorriso e con il viso multicolore come un pagliaccio, più o meno così:

 

Sarei dovuto tornare al lavoro …….. ma per fortuna ero in ferie!!!!

h1

Torn stà cas aspiet a te!!!

giugno 30, 2008

Rientri a casa dopo le vacanze.

In piena notte, ore 2,00, stanco per le 15 ore di viaggio;  scarica l’auto (compreso i figli addormentati), arrivi su al 5° piano e all’improvviso:

AAAAAAAAARRRRRRRRRRRRRRRGGGGGGGGGGGGGGGHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Porta sfondata!!!!

L’urlo sveglia i bambini che cominciano a piangere.

Entri in casa e pare sia passato il tornado Cathrina, disordine ovunque, la tua collezione di mutande di pizzo derivante da anni di onorata professione sparpagliata per la casa, cassaforte divelta; insomma uno scenario da incubo!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ed è allora che appare lui, l’omino vestito con abito blu, camicia e cravatta ed in mano la sua palla gialla che sembra un sole, sorride sulle note di una musica suadente, tu lo guardi ed il sorriso increspa le tue labbra …………………..

 

 

 

 

e finalmente capisci perchè hai un assicurazione sul furto in casa:

Così hai sempre qualcuno da scamazzare di mazzate, se ti accadono situazioni simili!!!!!!!!

Ma ditemi Voi, è possibile che uno sorrida in un simile accadimento?????